Home | intro | Dino | Aldo | il Grande Torino | la Strage | i funerali | interviste | reperti | eventi | news

 
INTRODUZIONE

Mi chiamo Nicoletta e ho l'onore di essere la nipote di Dino (mio nonno) e Aldo Ballarin.

Il 4 maggio 1999 sono stata a Torino con la famiglia e il mio fidanzato (oggi marito) Davide, in occasione del cinquantesimo anniversario della tragedia di Superga.
Era una giornata di pioggia incessante, vento e nebbia, proprio come “quel giorno” e per chi c'era cinquant’anni prima sembrava di rivivere la tragedia. Abbiamo partecipato alla S. Messa sul colle di Superga, proprio nella Basilica sul cui terrapieno si schiantò l'aereo; poi a turno siamo stati a vedere la lapide, che si trova proprio nel punto dello schianto. Siamo scesi a Torino e abbiamo visitato la Mostra preparata per l'occasione: ricordo la ruota dell’aereo, le scarpe e le maglie dei giocatori, i loro documenti e gli oggetti personali, la valigetta del massaggiatore...
É stata un’esperienza emozionante e suggestiva: indimenticabile.

Naturalmente non ho potuto conoscere mio nonno: mia mamma Laura aveva solo sei mesi al momento della sciagura e nemmeno lei purtroppo ha molti ricordi del suo papà. É grazie a nonna Dina - sua moglie - ai suoi racconti e al materiale raccolto durante tutti questi anni se io e Davide ci siamo appassionati tanto al Grande Torino e ci impegniamo per fare in modo che il ricordo rimanga sempre acceso.

Abbiamo allestito un sito internet: www.aldodinoballarin.net il quale riceve numerose visite e preziosi messaggi da tifosi granata e non solo.

Nel luglio 2004, 2005 e 2006 abbiamo allestito a Chioggia - città natale dei fratelli Ballarin - la Mostra sul Grande Torino, con materiale fotografico, filmati e reperti personali di Aldo e Dino. E abbiamo pubblicato dei libretti in ricordo di Aldo e Dino Ballarin.

Nel luglio 2005 è uscito il nostro libro "Aldo e Dino Ballarin, uniti per sempre":128 pagine, racconta la storia dei due fratelli dalla tenera età fino all'incidente, il tutto accompagnato da numerose fotografie inedite dell'epoca. Prefazione di Franco Ossola e Angelo Padoan. Non siamo degli scrittori ma abbiamo lavorato con il cuore e nutriamo la speranza che questa opera possa trasmettere la nostra passione ai lettori e contribuire a rendere viva la memoria di quei grandi campioni ... per sempre!

In questi anni abbiamo avuto l’onore di conoscere persone meravigliose che da anni lavorano alla stessa nostra missione: non dimenticare. 
É anche grazie a loro se il nostro lavoro continua...